Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Può conoscere tutti i dettagli sul nostro adeguamento GDPR e Cookies consultando la nostra privacy policy.
Ok

.

La pesca all'aguglia

La pesca all'aguglia

Pietro Ramunno set 14, 2018 Magazine 0 Comments

L’aguglia è un pesce di acqua salata a forma di pesce spada, ma in versione “ridotta”; le sue dimensioni sono di 30- 40 cm. Gli esemplari più grandi possono arrivare anche a 80 cm e possono pesare quasi un chilogrammo. È un pesce dal corpo molto sottile e allungato, dalle mascelle provviste di denti aguzzi. Il dorso è di colore azzurro verde, mentre i lati del pesce sono di colore argento. Si tratta di un predatore che vive in branchi sempre in movimento: da novembre a marzo, questi pesci s’inabissano in profondità. Da aprile-maggio fino al termine dell’estate si riportano in superficie avvicinandosi alla terra.

Come si pesca

L’aguglia viene spesso ricercata dai pescatori sportivi da riva con diverse tecniche: spinning, beach ledgering, bombarda, mentre dalla barca con la tecnica della traina. Quest’ultimo tipo di pesca viene effettuato tramite una piuma bianca con un amo molto piccolo su un terminale fine. Per la pesca all'aguglia si può utilizzare anche una canna all'inglese che abbia delle buona prestazioni per poter lanciare il galleggiante piombato. Per ciò che riguarda lo spinning si possono utilizzare artificiali piccoli e vivaci, con marcate preferenze verso gli ondulanti con piume aggiunte, purché siano di dimensioni molto ridotte. Venite a scoprirne alcuni esemplari sull’e-commerce di Universe Fishing. La tattica migliore è quella di effettuare lanci oltre il branco delle aguglie, per poi recuperare a scatti.

L’esca più indicata per l’aguglia è, invece, il bigattino. Un’altra possibile variante è costituita da una sottile striscia di pelle alla quale va attaccato un pezzetto di carne di sardina fresca, oppure code di scampi. Sarà opportuno tenere presente lo stato della marea: quando è alta, l’aguglia è presente, oltre che in mare aperto, nei pressi delle coste rocciose, delle scogliere di porto e dei frangiflutti. Questo sarà il momento più indicato per tentare di catturarla da terra. Questo piccolo pesce, tuttavia, è certamente più ricercato e apprezzato come esca per la traina a ricciole e dentici che come preda.

Leave your reply

*
**Not Published
*Site url with http://
*